Nico Masotti attore, animale da palcoscenico - itFrosinone

itFrosinone

ARTE PERSONAGGI

Nico Masotti attore, animale da palcoscenico

Colosseo

Nico Masotti attore, animo sensibile all’arte a tutto tondo; e dotato di un eloquio pregno di facondia che si dipana a teatro. Nasce a Roma, zona Alberone e da bambino si trasferisce a Frosinone. Roma però gli resta dentro e all’occorrenza, quella cadenza e l’accento si palesano quando meno te l’aspetti. Come quel refolo di vento improvviso mentre sei sotto l’orologio ad acqua o come quel sentimento dolce e malinconico, quando ti affacci da Ponte Sisto.

Nico Masotti attore

Quell’indole e quella predisposizione per le tavole del palcoscenico sono innati. Qualunque genere sia il verso o la poesia di Trilussa, lo accompagnano da sempre; fin da bambino, fanno parte di lui. Da piccolo lupetto negli scout era già attore, con quell’inclinazione a parlare in pubblico e a calamitare l’attenzione della platea. Ed era sempre lui a fare un passo avanti; già alla ribalta da piccolo insomma.

Serata Blu - Masotti che recita

Nella vita adulta poi si è trovato a sviluppare sistemi di elettronica per aziende; un mondo diverso, forse per mettere i piedi in una dimensione parallela diversa; eppure quello che più gli appartiene è il teatro a tutto tondo. Nondimeno, il mondo della recitazione è fatto non solo di teatri pieni di spifferi e sipari polverosi, ma anche di esperienze come speaker in radio; studio su come modulare le vocali e far uscire la voce, sovente in sordina e intessuto di metodo.

Michele Gammino

Ma l’esercizio, la dizione e il sacrifico, benché invisibili, ci sono. Un ruolo importante in tutto questo l’ha avuto proprio la dizione, l’affinamento e il doppiaggio; in cui l’Italia è leader mondiale assoluta. Tra i grandi maestri di doppiaggio c’è anche lo zio di Nico Masotti, ovvero Michele Gammino. Uno di quelli che di fatto, ha intessuto una parte della storia del cinema in Italia e non solo.

Nico Masotti attore - Franco Nero con Masotti

Gammino ad esempio è stato il doppiatore storico di Harrison Ford o di Jack Nicholson e vive in un ambito artistico artigianale, che si tramanda un po’ a livello familiare, come nei figli ed in parte come in questo caso, anche con i nipoti. Gammino è stato un mentore per Nico, e del resto è un professionista che lavorava ai tempi di Portobello con Enzo Tortora, quando tutta l’Italia, ma proprio tutta, era davanti alla televisione.

Sandrino Aquilani

Lo stesso Tortora parlava un italiano perfetto e i più non l’hanno mai dimenticato. Ci si presentava alla ribalta ben vestiti, e si parlava curando la dizione, perché si entrava nelle case degli italiani e lo si faceva con garbo. Nico Masotti ha avuto quindi come mentore lo zio e ne ha seguito insegnamenti, dritte e consigli. Ha collaborato con lui, ha lavorato a sua volta nel doppiaggio e quella palestra è servita; per limare, affinare e per crescere. Masotti s’illumina quando dice: “la bellezza salverà il mondo”; perché un attore si dà al pubblico.

Nico Masotti attore - Aquilani con Masotti

Lo fa a tutto tondo e cerca appunto di creare e donare “qualcosa di bello”, cercando le parole giuste, perché sono importanti. E proprio di bellezza, Nico voleva e vuole parlare quando si esibisce. Poi nella vita ci sono quegli incontri che qualcuno definisce karmici, insomma, qualcosa che non poteva non avvenire, non succedere.

Sta a guardà ed capello…

Attratto dalla poesia e dalla poetica, Masotti un giorno ha chiamato la casa editrice del poeta Sandrino Aquilani. E per incanto, un po’ emozionato; si è ritrovato a parlare con lui nel giro di pochi minuti. Come tutti i grandi dell’arte, Nico stava parlando con Sandrino Aquilani che lo ha un po’ adottato artisticamente, trovandolo umile, semplice e immenso. Da allora Masotti ha inciso poesie importanti e sotto l’egida del maestro è riuscito a calcare le tavole del palcoscenico con personalità del calibro di Franco Nero. Fantastica la biennale poetica a Matera.

Nivo Masotti attore - Carnevale Frusinate in allestimento

Un bell’incontro, poter imparare e carpire spunti e idee, su ciò che è davvero la bellezza, da chi ha dato del tu ad Arnoldo Foa o Nando Gazzolo. E poi nel tempo è nato uno spettacolo, sempre inseguendo la bellezza, insieme al maestro Cesare Marinacci, qualcosa che si è evoluto nel tempo fino ad oggi.

Maestro Cesare Marinacci e Nico Masotti

Tra una recita e l’altra, Nico Masotti attore, continua ad esibirsi e la prossima tappa sarà il 20 agosto a Prossedi al castello baronale con “Sta a guardà er capello..”, e ci sarà al pianoforte il maestro Luigi Mastracci, con cui lavora da tanto. Eppure Masotti non sta mai fermo e corre, corre sul serio con la sua moto BMW. In questi giorni sta lisciando le strade del Portogallo. Correre lontano in solitaria lo aiuta a pensare ai tanti progetti che ha in mente. L’idea è quella di un monologo noir; mettere in scena pezzi di storia italiana in bianco e nero, l’epoca degli anni di piombo.

sala - microfono da Doppiaggio

Dando una chiave di volta narrativa contemporanea con secchiate di colore rosso per evocare come uno schiaffo le vite e le storie della gente comune; quello che resta. Intanto Nico scrive, prende appunti e corre via con la sua moto.

© Riproduzione riservata

Nico Masotti attore, animale da palcoscenico ultima modifica: 2022-07-27T07:00:00+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x