I FRUSINATI RACCONTANO FROSINONE

itFrosinone

COSA FACCIAMO PERSONAGGI

Gerardo Frantellizzi, ovvero “Il sindaco”, a furor di popolo

Gerardo Frantellizzi - Frantellizzi che sorride

Il sindaco, già, e quando si parla di sindaco a Frosinone, viene in mente solo lui, Gerardo Frantellizzi. Anima verace della cultura popolare locale un po’ come la “bella ‘mbriana” altrove, lui ciociaro D.O.C. vive la sua appartenenza in modo viscerale e lo fa da trascinatore. Abbiamo parlato con il sindaco per sentire il polso su come è stato vissuto il lockdown e per capire cosa vede all’orizzonte; per il tessuto socio economico della città.

Gerardo Frantellizzi

Gerardo ci ha raccontato che per lui la chiusura #Covid-19 è stata surreale. All’improvviso tutto si era fermato. Si faceva largo un silenzio assordante, e il “sindaco” dapprincipio è entrato in uno stato confusionale; non era né paura né ansia; era tutto troppo assurdo, ma non era un film, era tutto vero. Gerardo con l’anima da “capo ultras”, ha capito subito che doveva reagire.

Gerardo Frantellizzi - Radeca Oggi

Dopo tutto non è mai stato capace di stare con le mani in mano. Ha iniziato a fare quello che gli riesce meglio; far stare bene le persone e per farlo si è servito dei social. Quello era l’unico modo per restare in contatto con il mondo e raggiungere chi stava accusando il colpo. “Il sindaco” ci racconta che sapeva bene che l’ansia, la depressione e la paura stavano strisciando lungo i palazzi popolari della città, cercando di filtrare maligni; bisognava impedirlo, o almeno provarci.

Gerardo Frantellizzi il sindaco di Frosinone

Per quello che ha potuto, Gerardo ha iniziato ad aiutare chi aveva bisogno. Come tanti era in cassa integrazione, ma una cosa importante l’aveva, ovvero la cordata di amici, e allora ha iniziato a darsi da fare. Qualche persona sola poteva avere bisogno che qualcuno gli lasciasse la spesa sullo zerbino, senza avere contatti e allora bisognava farlo.

Gerardo Frantellizzi - Gerardo Travestito D Championnet

Il sindaco non si è certamente fatto pubblicità, ma quell’inclinazione ad aiutare gli altri, che forse ha ereditato da una madre insegnate, l’ha sospinto anche durante il lokdown. Il bene, quello vero, si fa in silenzio a testa bassa e pedalare. Gerardo ci racconta che gli mancava il mondo reale, perché la solitudine non fa per lui. Ha stretto i denti lontano dal secondo figlio che vive a Bologna, dalla sua ragazza, e da tanti amici. Ci si video chiamava è vero ma dopo un po’ scendeva la malinconia.

Appuntamento in provincia dopo il coronavirus

Non è come bere una birra abbracciati dopo un goal allo stadio o rotolarti per terra con tuo figlio; bisognava “abbozzare”! Un’amica poi ha avuto l’idea di creare un gruppo social per stare uniti, farsi coraggio a vicenda. Aiutava avere l’obiettivo di organizzare una grande festa tutti insieme dopo il lokdown. Così le giornate passavano tra ciambelloni appena sfornati, tik tok, e tutto ciò che poteva distrarre da quella realtà surreale.

Gerardo Frantellizzi - Gruppo Della Redeca

Gerardo ci confessa che il lavoro gli mancava, lui che ha sempre avuto le mani doro da “aggiusta tutto”. Mancavano le giornate frenetiche, e perfino il traffico, e come tanti, confessa che non avrebbe mai pensato che un giorno avrebbe rimpianto certe cose. Il sindaco non smette di essere un punto di riferimento, e sa che stiamo ripartendo, ma dovremmo stare attenti, e non sottovalutare che il virus potrebbe avere un colpo di coda.

Economia ciociara

Il sindaco si fa serio e sottolinea che dobbiamo fare tesoro dell’esperienza, perché l’egoismo e il menefreghismo non deve avere la meglio. Un’altra ondata sarebbe una catastrofe per la Ciociaria. Il “Il sindaco”, ammira gli imprenditori che hanno riaperto, nonostante la confusione e i ritardi istituzionali biblici; un altro stop sarebbe una catastrofe. Gerardo Frantellizzi non nasconde però che qualcosa ha lasciato questo periodo. Ho deciso di godersi il più possibile le persone care, i momenti, belli, perché da un giorno all’altro ha visto che si può perdere tutto. Spera di ripartire a pieno regime col lavoro; magari arrivando un giorno a fare quello che ha sempre sognato fin da bambino; il sindaco della città che ama, la sua città! Auguri sindaco!

fonte foto – pagina uff. Facebook Gerardo Frantellizzzi

Gerardo Frantellizzi, ovvero “Il sindaco”, a furor di popolo ultima modifica: 2020-06-22T09:39:52+02:00 da Simona Aiuti
To Top