itFrosinone

ASSOCIAZIONI ITINERARI

Il cammino dei Briganti, possiamo programmarlo ora

Il cammino dei Briganti - Rosciolo Dei Marsi in una veduta

Il Cammino dei Briganti è un percorso che sicuramente solleticherà tanti che amano la natura e che hanno un pizzico di spirito d’avventura. Queste che stiamo vivendo sono ore di “fermo”, ma possiamo usarle per prendere carta e penna, una cartina, o il PC e programmare una piccola vacanza che potrebbe rivelarsi meravigliosa.

Il cammino dei Briganti

Il Cammino dei briganti lo si può affrontare come una vacanza, infatti, è percorribile in sette giorni, che è l’ideale. Si tratta di è un bel percorso che sale tra gli 800 e i 1300 m. di quota. Chi lo ha evocato e in qualche modo inventato, lo ha fatto, volendo ricalcare le vestigia dei briganti della Banda di Cartore. Uomini che imperversarono tra la Val de Varri, la Valle del Salto, ai piedi delle pendici del Monte Velino.

il cammino dei briganti - Lago Della Duchessa da ovest
fonte foto – Wikipedia – Matteo Regazzi – CC BY 2.0

I briganti, all’epoca, riuscivano a spostarsi tra un confine a l’altro, a seconda di come soffiava il vento. Li abbiamo letti in romanzi come “Amori, passioni e Briganti. Avevano alle calcagna le guardie del Papa e il boia li attendeva. Molti sono stati ammantati da un’aura di fascino, tuttavia rubavano, uccidevano e depredavano, vivendo liberi “alla macchia”. I luoghi in cui si nascondevano, erano boschi e montagne impervie che possiamo esplorare.

Il cammino dei Briganti tra Lazio e Abruzzo

In particolare il territorio attraversato da questo cammino, che ora possiamo programmare era appunto terra di confine, oggi tra Abruzzo e Lazio, ieri tra Stato Pontificio e Regno Borbonico. Chi intende preparare zaino, scarponi e sacco a pelo, sappia che si parte da Sante Marie, vicino a Tagliacozzo (AQ). Le temperature da quelle parti sono abbastanza “fresche” anche in estate, quindi l’abbigliamento deve essere adeguato, tuttavia il sole picchia e servirà una buona protezione solare.

il cammino dei briganti - Montagne Della Duchessa viste da ovest
fonte foto – Wikipedia – Marica Massaro – CC BY-SA 4.0

Orbene, sono passati più di 150 anni da quelle scorribande di archibugi e pugnali, e oggi invece ci si sposta a piedi da paese a paese lungo questo cammino di 7 giorni, tutto ben percorribile, segnato e con posti tappa ben attrezzati. Quando si va in montagna, c’è sempre il rischio di perdersi quindi bisogna sempre restare nelle norme di sicurezza indicate. Nondimeno, chi lo desidera, può percorrere anche solo una parte del sentiero.

Le brigantesse

Gli esperti raccomandano di prenotare vitto e alloggio, per evitare contrattempi. Nondimeno ci si può appoggiare a piccole strutture a condizione familiare, oppure affidarsi a tenda e sacco a pelo. Gli esperti del settore raccomandano di seguire sempre una guida e di farlo con massima scrupolosità. Programmando a dovere questo piccolo viaggio, sarà inoltre opportuno procurarsi la mappa, che è stata editata dalle Edizioni Il Lupo; fondamentale per orientarsi in luoghi così particolari.

il cammino dei briganti - la località di Tagliacozzo
fonte foto – Wikipedia – Marica Massaro – CC BY-SA 4.0

Se non è online, la si può trovare anche all’Ufficio Salvacondotti a Sante Marie, che di fatto è il punto di partenza. Chi ha voluto creare questo percorso, lo ha fatto con passione solo qualche anno fa, iniziando nel 2015 e con un certo seguito e successo. Lentamente, con le varie richieste d’adesione a fare il “cammino”, anche alcuni enti locali hanno aderito al “progetto in divenire”, anzi in crescita.

Carmine Crocco

Ragion per cui, oggi il percorso è sì rupestre, selvaggio, ma ben definito. Come dicevamo, esiste  la guida cartacea, un sito web dove cercare ogni genere d’informazione e una cartina dettagliata dei sentieri. L’inaugurazione ufficiale del cammino si è avuta il 21 maggio 2016, e da allora molti appassionati si sono avventurati lassù, dove osavano i briganti. Il percorso è indicato da una segnaletica biancorossa. In queste zone era attiva la Banda di Cartòre; comandata dal brigante Berardino Viola, ma anche quella degli uomini fedeli a Carmine Crocco e al generale spagnolo José Borjes. Infine, ricordate che il Cammino dei Briganti ha come credenziale un “salvacondotto”, su cui raccogliere i timbri che certificano l’avvenuto percorso.

Il cammino dei Briganti, possiamo programmarlo ora ultima modifica: 2021-03-26T08:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

¡Qué linda imagen! ¡Gracias por tu nota!

To Top
3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x