itFrosinone

EDIFICI STORICI ITINERARI

Il castello di Ceccano, un luogo da visitare

Il castello di Ceccano - Ceccano in una veduta

Il castello di Ceccano si trova sul colle dove sorgeva Fabrateria Vetus, insediamento preromano. Il maniero all’interno della prima cinta muraria, corrisponde all’attuale Piazza Camillo Mancini. 

Il castello di Ceccano

Attorno al millenario Castello si snoda il centro storico. Vediamo le chiese di Santa Maria a Fiume, il fiume Sacco, San Nicola; splendidi esempi d’architettura medievale. Il castello rappresenta un tipico esempio di rocca fortificata dei secoli XII e XIII, con una cinta muraria, una torre mastio e un corpo residenziale.

Il castello di Ceccano - Castello Ceccanese tra i vicoli

Il castello nel corso dei secoli ha subito numerose modifiche che, tuttavia, non hanno cancellato le caratteristiche originali. Per visitarlo si raggiunge l’ingresso percorrendo uno stretto vicolo in curva, in un arco gotico in pietra calcarea. Vediamo la cinta muraria, anch’essa ad arco gotico con i fori dei cardini in pietra ancora intatti. Su di un lato dell’arco di ingresso è visibile un segno di croce incisa sulla pietra che i cavalieri toccavano al passaggio. Dall’ingresso si giunge a quella che doveva essere la piazza d’armi. Lì si trova la cisterna.

Il castello di Ceccano in Ciociaria

Domina il colpo d’occhio la torre mastio con le sue camere voltate sovrapposte, con le antiche feritoie per le balestre. Attraverso il mastio si accede ad una sala a volta con un pilastro centrale, le cui pareti sono caratterizzate da due porte gotiche ad arco acuto. Attraverso queste, da una parte si accede ad un’altra torre.

veduta dal paese ciociaro - Castello visto dal basso

Vediamo anche degli affreschi del XIII secolo, con figure di monaci raffiguranti i mesi dell’anno. Si staglia maestosa, l’antica merlatura ghibellina. La facciata è impreziosita su di un lato da un occhio ottagonale gotico borgognone, come quelli presenti sulla facciata della cattedrale di Fossanova e del palazzo comunale di Priverno. Al riguardo, nel 1523 il Castello diventa feudo di Prospero Colonna. Fu adibito a carcere fino al 1973, anno in cui il carcere mandamentale viene chiuso.

Feudo di Prospero Colonna

Tra corsi e ricorsi storici, il castello infine è stato acquistato dal Comune, che ne decide e ne completa il restauro. Sulla sinistra del castello, si trova una parete a base scarpata, un tempo sovrastata da un camminamento di ronda. Il portale ogivale del XII sec. come dicevamo ha una croce templare potenziata incisa, che è uno degli elementi che compongono la torretta a difesa alla fortezza medievale.

Il castello di Ceccano - Castello Di Ceccano visto da lontano

Nella parte superiore della torretta, c’era una piombatoia, dalla quale erano scagliati sul nemico, pietre, materiali ardenti o altri proiettili. Salendo la scala si giunge a un’iscrizione che ricorda il pellegrinaggio di Donna Egidia a Santiago de Compostela. Ella era sposa di Landolfo I de Ceccano. Fu tra le prime donne d’Europa a intraprendere “il cammino” nel 1190 per chiedere la sua guarigione. Tornò risanata l’anno dopo, come riportato dagli Annales Ceccanenses. Proseguendo verso il cortile basso, vediamo l’antica corte d’onore.

Medioevo in Cociaria

Qui si trovano gli edifici residenziali della fortezza medievale. A destra la Turris Picta, un tempo completamente affrescata ed il Palatium. Sulla destra, vicino ai resti di una chiesa gotica, si apre un bastione dal quale ammirare il paesaggio verso l’Abbazia di Montecassino.

fuochi d'artificio - Castello Con Fuochi D'artificio

A sinistra vediamo l’infermeria, cappella e tribunale, costruiti all’epoca del carcere. Salendo la scala, oltre al mastio, a sinistra vediamo i resti dei canali di scolo per le acque piovane. A destra dell’entrata, da notare un graffito col nome di un detenuto del 1899. Nel salone principale del Palatium, ammiriamo due pitture realizzate dai detenuti a fine ‘800 su alcune più antiche sottostanti.

Donna Egidia

infine, in fondo una Madonna del Rosario di Pompei ed in alto una Crocifissione. Per visitare il castello contattare l’associazione Cultores Artium al numero di telefono 371/1419131. [email protected], su facebook tramite la pagina ufficiale Castello dei conti de Ceccano.

Fonte foto – pag. uff. Facebook Castello dei Conti di Ceccano

Il castello di Ceccano, un luogo da visitare ultima modifica: 2021-03-27T08:53:11+01:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Bell 😍👏

To Top
3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x