Il Corallo in Ciociaria giunge da epoche lontane - itFrosinone

itFrosinone

TRADIZIONI USI E COSTUMI

Il Corallo in Ciociaria giunge da epoche lontane

Il Corallo in Ciociaria - Ciociara Con I Coralli tradizionali

Il corallo in Ciociaria ha avuto per lunghissimo tempo, un ruolo sociologicamente importante. Non solo per “la curaglia”, come si chiamava in dialetto, che adornava le donne del popolo, ma anche per una valenza religiosa; più defilata, ma importante nella storia del Cristianesimo.

Il Corallo in Ciociaria

Gli egiziani consideravano il corallo sacro a Iside, lo polverizzavano e lo spargevano si campi coltivati per buon auspicio e per proteggerlo dalle cavallette. Presso i Greci invece, esso era appunto impiegato come un medicinale e il materiale, soprattutto grezzo; si usava sotto forma di offerte di ramoscelli ai templi; ma anche, più marginalmente, per la gioielleria comune. 

Il Corallo in Ciociaria - Collanadi corallo

I Romani nel nostro stesso territorio, consideravano il corallo efficace sia per la cura di varie malattie sia come amuleto. In particolare lo si donava ai neonati per proteggerli e lo si usava come amuleto appeso ad un cordino al collo. Quest’usanza, con sfaccettature diverse, non è mai tramontata e ancora resiste. Il popolo romano avvicinava il corallo al sangue; un sangue marino se vogliamo e i nostri antenati credevano che il corallo potesse addirittura arrestare le emorragie. Credevano anche che potesse proteggere i bambini dalla dentizione difficile e dalle convulsioni.

Corallari di Torre del Greco

Poi nel medioevo si credeva che potesse proteggere dai fulmini e dalla grandine. Già a quell’epoca, lo si incastonava, ma con le perle, considerate molto più preziose. Le fibule furono le spille tra le più antiche usate dai romani per fermare le vesti e i nostri antenati furono i primi a intagliare questi gioielli marini. In epoca antica, il corallo veniva spezzettato, arrotondato e forato con tecniche rudimentali; per farne bracciali, collane, cavigliere.

Matrona - donna Romana con i coralli

I Romani furono i primi a praticare la tecnica dell’incisione con il fuso; realizzando piccole sculture e opere d’arte. Poi nella simbologia cristiana, il corallo rappresentava il sangue di Cristo; la sua Passione e Resurrezione, e dunque la sua doppia natura, umana e divina. Per questo è presente in moltissimi dipinti religiosi e incastonato in corone di madonne, per decorare calici e molti oggetti religiosi. La cultura pagana ha così abbracciato la fede.

Simbologia del Corallo

Del resto, già a partire dal XV secolo lo troviamo incastonato anche nei reliquiari e anche nelle cornici e nei quadri a soggetto religioso. Poiché, secondo le credenze tramandate nei secoli, il suo potere scaramantico teneva lontani gli influssi maligni; anche per i cristiani, le malattie e i dolori. Come dicevo, i monili di corallo non hanno mai cessato d’essere potenti amuleti con cui proteggere i bambini. Ciò spiega perché numerosi dipinti rinascimentali rappresentino putti e infanti che indossano collane.

Il Corallo in Ciociaria - Parure ri coralli

Monili composti da sferette di corallo e un rametto per ciondolo; come quella del Bambin Gesù in grembo alla Madonna, nella celebre pala d’altare di Piero della Francesca conservata alla Pinacoteca di Brera a Milano. Per moltissimo tempo la lavorazione del corallo in gioielleria si è concretizzata, sostanzialmente, nella produzione, non sempre raffinatissima; di olivette e grani, detti “paternostri” perché venivano utilizzati anche per la produzione di rosari.

Il Corallo in Ciociaria amuleto e fede cristiana

Il corallo giunto qui in Ciociaria, è arrivato quasi tutto da Torre del Greco, la capitale mondiale del corallo. Alcune famiglie storiche, che si definiscono “corallari”, da secoli commerciano e lavorano ogni genere di corallo. Le donne, specie le balie qui da noi lo ricevevano in dono ed è oggi dipinto in decine di migliaia di ritratti, e foto in bianco e nero di epoche perdute.

Era un regalo prezioso, ma anche scaramantico, per proteggere la portata lattea. E allora si indossavano collane, orecchini vistosi e anelli, insomma ogni genere di gioielli. Il mutar dei tempi, ad un certo punto ha fatto passare di moda questi monili e in tanti se ne sono disfatti anche per pochi soldi. Resta la traccia storica di una identità importante.

© Riproduzione riservata

Il Corallo in Ciociaria giunge da epoche lontane ultima modifica: 2022-07-22T07:00:00+02:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x