itFrosinone

pubbliredazionale ANNUNCI NEWS

Il vaccino anti #Covid è una realtà della #Sanofi di Anagni

Il vaccino anti #Covid - Anangni in uno scorcio
Articolo promozionale

Il vaccino anti #Covid ormai è una realtà in divenire. Un po’ tutti guardano ad Anagni in provincia di Frosinone, con una certa trepidazione. Certamente ci sono molti laboratori nel mondo che stanno lavorando alacremente per lo stesso fine.

Il vaccino anti #Covid

Tuttavia la Ciociaria vive momenti di trepidazione; ma anche e soprattutto di grandissima fiducia e speranza. La Sanofi è una tra le industrie farmaceutiche più importanti d’Italia; operante nel territorio frusinate, in cui è presente con uno stabilimento che dà lavoro circa 600 dipendenti.

Il vaccino anti #Covid  -  virus stilizzato con fialaOrbene, è proprio qui, nello stabilimento ciociaro; che da poche ore è partita la produzione del #vaccino anti-covid. Attendiamo le agognate 300 milioni di dosi; destinate infine a coprire tutto il territorio europeo. Volgiamo lo sguardo verso Anagni, ben consapevoli della tragedia pandemica mondiale. Gli operai dello stabilimento SANOFI hanno messo in modo la linea la produzione del vaccino. Quello ciociaro sarà uno dei tre hub; insieme a Francia e Germania, già impegnati nella produzione e realizzazione delle dosi necessarie. Il nostro sarà il primo stabilimento in Europa a mettere in campo il vaccino tanto atteso.

Il vaccino anti #Covid della SANOFI di Anagni

Vista l’importanza degli eventi in questo particolarissimo momento storico; il ministro della salute Roberto Speranza ha visitato lo stabilimento di Sanofi. Il governo italiano, nella figura del Ministro della Salute Speranza, ha testimoniato di voler dare tutto il supporto necessario; per combattere il virus e garantire la salute dei cittadini italiani, che desiderano riappropriarsi della propria tranquillità.

Il vaccino anti #Covid  -  fiala di plasmaE’ di queste ore la decisione d’imporre l’uso della mascherina anche all’aperto nella Regione Lazio; per via dell’impennata di contagi di questi giorni. Nonostante ciò, si lavora per scongiurare nuovi lockdown; che metterebbero in ginocchio l’economia italiana. Al momento di sta monitorando capillarmente il territorio nazionale. I numeri dell’Italia sono di gran lunga migliori rispetto a quelli di altri Paesi europei; ma questo non ci deve far abbassare la guardia. Abbiamo fatto un lavoro che ha dato dei frutti, che non dobbiamo disperdere.

AstraZeneca

La distribuzione del vaccino, dopo l’ok dell’Agenzia Ue del farmaco; potrebbe partire a metà 2021. Sembra una meta lontanissima, ma chi conosce la tempistica scientifica, sa bene che non è affatto così. La Sanofi, collaborando con la Gsk; altro colosso farmaceutico, sta andando avanti a spron battuto.

Il vaccino anti #Covid  - Fiale e flaconiCome ha affermato l’ad e presidente Sanofi Italia Marcello Cattani; si prevede di entrare in fase tre a dicembre. Si punta, se tutto filerà liscio nei test sull’uomo; producendo1 miliardo di dosi entro il 2021. L’Italia si conferma così Paese di punta nella corsa al vaccino più agognato; potendo fare affidamento su una piattaforma farmaceutica d’eccellenza. Dopotutto siamo il primo Paese produttore di farmaci in Europa. Nel frattempo, a Nord di Roma, a Castel Romano, l’azienda biotech Reitehera; insieme allo Spallanzani lavora a un vaccino tutto Made in Italy arrivato ai primi test sull’uomo.

Sperimentazione allo Spallanzani

Intanto, sempre ad Anangni; potrebbe partire nelle prossime settimane anche l’infialamento; di 400 milioni di dosi del vaccino di AstraZeneca e Oxford presso l’azienda biotech Catalent. Il vaccino Sanofi attualmente è alla fase 1 e 2 di sperimentazione. Al momento, oltre alle prove di sicurezza, si procede anche i primi test su ampi gruppi di volontari. Siamo nel momento topico della sperimentazione più ampia; quella conclusiva prima dell’imprimatur definitivo. I vertici della Sanofi sono ottimisti, alla luce degli incoraggianti dati preclinici. Questi hanno evidenziato un buon profilo d’efficacia e immunogenicità. Infine, l’autorizzazione dell’Ema se tutto andrà come si spera; potrebbe esserci proprio entro maggio o giugno 2021. Subito dopo saranno disponibili le dosi destinate all’Europa.

Il vaccino anti #Covid è una realtà della #Sanofi di Anagni ultima modifica: 2020-10-05T07:00:00+02:00 da Redazione

Commenti

To Top