I FRUSINATI RACCONTANO FROSINONE

itFrosinone

pubbliredazionale covid NEWS

Lattoferrina contro Covid-19, un’importante sperimentazione

lattoferrina - Dottoressa al microscopio
Articolo promozionale

Lattoferrina contro il #Covid-19? A quanto pare, molti medici di famiglia la prescrivono, e sta andando a ruba, tuttavia, prima di buttarsi a capofitto; meglio essere prudenti e capire da dove parte questo entusiasmo e se è motivato o meno. Dobbiamo partire da un gruppo di ricercatori, con a capo la dott.ssa Elena Campione; ordinaria di dermatologia presso l’università di Tor Vergata di Roma.

Lattoferrina

L’entusiasmo si è acceso a seguito di una pubblicazione da parte di ricercatori italiani sulla rivista scientificaInternational Journal of Molecular Sciences”. l’articolo s’intitola : “La lattoferrina quale naturale barriera protettiva della mucosa intestinale e respiratoria contro l’infezione da coronavirus e l’infiammazione”.

Lattoferrina - lotta al Coronavirus

Lo studio di Tor Vergata ha evidenziato delle potenzialità contro Covid-19; ma si tratta dei primi risultati ed è necessario rispettare tutti i passi della sperimentazione. La lattoferrina è una proteina presente nel latte; nella saliva e anche nelle lacrime. Si tratta di una molecola con azione antimicrobica, ed è efficace nel proteggere i neonati; dalle infezioni gastrointestinali. Il gruppo di scienziati italiani di “Tor Vergata”, ha dato il via a un “trial clinico”, che evidenzia dei benefici di questa molecola sia nel prevenire; sia nel contrastare il #Coronavirus.

Lattoferrina contro #Covid-19

L’entusiasmo è prematuro. Semmai possiamo mostrare un moderato ottimismo; poiché lo studio sulla Lattoferrina è agli inizi. Questa molecola però a quanto pare, era un’ottima candidata, per le sue proprietà antivirali e antinfiammatorie; sui possibili effetti contro il coronavirus. Ragion per cui è stato avviato uno studio clinico. Nella ricerca sono stati coinvolti trentadue pazienti con Covid-19.

Lattoferrina - immagine ricostruttiva della Lattoferrina
ricostruzione della molecola di lattoferrina

L’età media era di cinquantacinque anni. Di questi dieci asintomatici e ventidue con sintomi lievi o moderati. A oggi, i risultati evidenziano la remissione dei sintomi nel giro di circa due settimane per alcuni partecipanti; di trenta giorni per la quasi totalità del gruppo di persone. Infine, si evidenzia anche la negativizzazione del tampone di tutti i pazienti interessati. Come da prassi, altri trentadue volontari sani, e quindi negativi a Sars-Cov-2; costituivano un gruppo che non riceveva alcun tipo di trattamento.

International Journal of Molecular Sciences

I ricercatori hanno studiato l’azione della lattoferrina sui pazienti e in vitro; e con simulazioni al computer. Le prove in vitro hanno rilevato che la lattoferrina ostacola le interazioni iniziali fra il virus e la cellula. Parliamo delle cellule interessate dalla proteina spike; e il recettore Ace2. Quindi, la lattoferrina, potrebbe avere un ruolo protettivo. Secondo i ricercatori: “anche se il meccanismo d’azione deve ancora essere esplorato, le proprietà antivirali della lattoferrina possono essere estese anche a Sars-Cov-2.

integratori - foto di comuni Integratori

Orbene, in seguito a queste notizie; la lattoferrina è andata a ruba. Vi sono però delle perplessità, e alcuni medici invitano alla prudenza; perché va ricordato che è in ricorso la ricerca e la sperimentazione. Inoltre non ci sono ancora precise indicazioni, contro il Covid-19. Ricordiamo che per ora, la ricerca ha interessato solo trentadue pazienti; e che sono indispensabili altri test e molti approfondimenti.

Integratore alimentare

Semmai ci sarà una risoluzione positiva contro il #Covid-19; ci vorrà ancora del tempo, e soprattutto molti altri esperimenti estesi. Per ora, sperando soprattutto in un vaccino; auguriamo al gruppo italiano di studio, di arrivare alle migliori conclusioni.

LAttoferrina - una Ricercatrice con le provette

A quanto pare noi italiani siamo attivi su molti fronti. L’Unibo, relativamente al progetto europeo Spin, dell’Università di Bologna; lavora a un integratore alimentare. Esso dovrebbe essere in grado d’aiutare l’azione del sistema immunitario contro il Covid; per la popolazione ad alto rischio. Promosso da Eit Food – European institute of innovation and technology; l’integratore sarà ricco di Spermidina, una poliammina ricavata dal germe di grano; che ha un ruolo cruciale nel favorire l’autofagia, e di Eugenolo. Un olio essenziale antivirale che agisce; diminuendo la capacità di replicazione dei virus.

Lattoferrina contro Covid-19, un’importante sperimentazione ultima modifica: 2020-11-06T08:00:27+01:00 da simona aiuti
To Top