itFrosinone

MEMORIA STORIE

Per grazia ricevuta, quando Manfredi girò a Fontana Liri

Per Grazia Ricevuta - una scena del film

“Per grazia ricevuta”, chi non conosce il film voluto, pensato, diretto e interpretato dal nostro conterraneo Nino Manfredi? Dopo cinquant’anni dall’uscita della pellicola, vale la pena citare gli aneddoti, i retroscena e il legame che Saturnino Manfredi; nato a Castro dei Volsci, e cresciuto a Ceccano, ebbe con la Ciociaria. La vicenda parte dal piccolo Benedetto forse miracolato, che cresce affrontando dubbi e crisi mistiche.

Per grazia ricevuta

Il successo fu subito incredibile. Vinse un Nastro d’argento per il miglior soggetto; miglior sceneggiatura, e David di Donatello per la migliore regia. Vinse anche il premio speciale a Cannes per la miglior opera prima. Una pellicola molto personale, voluta fortissimamente da Manfredi. Il film in questione si girò per buona parte a Fontana Liri, paese natale invece di Marcello Mastroianni.

Per grazia ricevuta - Fontana Liri Superiore in uno scorcio

Tra quegli scenari medievali bellissimi, abbracciato dal calore della gente, a quanto pare Nino Manfredi si trovò benissimo. Dopo aver girato il film, e dopo averlo montato, giunse il momento della promozione. Manfredi stupisce ancora la terra Ciociara, con una pubblica dichiarazione d’amore. In una televisione in bianco e nero, ospite a “Studio 10”, trasmissione diretta da Alberto Lupo, che allora era un divo, Nino si profonde in una serie di ringraziamenti e d’elogi, verso chi l’accolse calorosamente.

Per grazia ricevuta a Fontana Liri

Manfredi racconta d’aver girato a Fontana Liri, paese di Marcello Mastroianni, attore all’epoca già di fama mondiale. Alberto Lupo, dice di non sapere che Mastroianni era di quelle parti. Manfredi, scherzando, ribatte goliardico che Marcello si vergognava d’essere “burino”, ma lui no invece! Scherza e ride Manfredi, dicendo che lui è un “burino contento”, e dice ad Alberto Lupo, che lui essendo di Genova, era un “burino del nord”. Tutti ridono e Manfredi galvanizzato tiene banco.

Per grazia ricevuta - Nino Manfredi nel 1985
fonte roto – Wikipedia – pubblico dominio

Dice che il giorno girava a Fontana Liri, ma la sera andava a dormire dall’amico “Bassetto”. Tutti noi ciociari conosciamo bene questo ristorante/albergo, dove hanno avuto luogo tantissimi pranzi nonché eventi memorabili. Bassetto era amico di Manfredi, simpaticissimo e allegro. Al riguardo Sia Manfredi, sia la Lollobrigida, parteciparono all’inaugurazione dell’Hotel Bassetto. Scherza ancora Nino con il conduttore di “Studio 10” e ringrazia ancora tutti i ciociari.

Nino Manfredi e la Ciociaria

Racconta che a Fontana Liri, tutti volevano farlo mangiare e bere continuamente. Uova sbattute al mattino, caffè forti e fiumi di fettuccine. Insomma un affetto incredibile, tutto pienamente ricambiato. Faceva caldo durante le riprese, e Nino da Castro dei Volsci, passando per Ceccano era ospitato volentieri per riposare. Anche da un signore del posto che non aveva il bagno in casa.

Per grazia ricevuta - Manfredi Ed Erminia il giorno delle nozze
fonte foto – Wikipedia – pubblico dominio

Tuttavia ospitale, l’accompagnò fuori, camminando un bel po’ fino al posto del “comodo”; dove non l’avrebbe disturbato nessuno. Nondimeno, era il 1 luglio quando arrivò a Fontana Liri la numerosa troupe, rimanendo nel borgo medievale di tremila anime per un mese; per lo più nella zona della chiesa di Santa Croce. Molti locali lavorarono come comparse, tra cui numerosi bambini per la scena della processione, e tante donne che avrebbero rappresentato le popolane. Sembra che, sia rimasto il ricordo di Manfredi che stava sul campanile.

Ceccano e Castro dei Volsci

Si trovava su una piattaforma di legno e dirigeva dal megafono proprio la processione. (…) Bravi Ciociari! Complimenti! Non avevo dubbi sulla vostra intelligenza e bravura! Sui Ciociari si può sempre contare! Abbiamo girato oggi la scena più importante del mio film Per grazia ricevuta, Grazie. Durante le riprese, un girono arrivarono a Fontana Liri anche i figli e la moglie per fare una sorpresa a Manfredi, tra l’altro spesso parteciparono alle riprese. Rimase impressa la simpatia e il grande fascino della signora Erminia. Ci fu anche il festeggiamento dell’anniversario di matrimonio, durante la pausa-pranzo; con il famoso cestino che arrivava da Bassetto. Erminia, seduta sulle scalette del vicolo vicino alla chiesa di Santa Croce, ricevette in regalo, un anello da mignolo.

Per grazia ricevuta, quando Manfredi girò a Fontana Liri ultima modifica: 2021-01-18T14:38:16+01:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Angelo Franchitto

Un film sempre bello da rivedere. Un classico del nostro cinema. ☺️

To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x