I FRUSINATI RACCONTANO FROSINONE

itFrosinone

CONSIGLI UTILI NEWS

Coronavirus, fa meno paura, con semplici norme igieniche

Coronavirus - equipe di medici

Coronavirus ora fa paura, ma possiamo contrastarlo. Il virus è giunto all’uomo dall’animale. Non a caso l’epicentro dell’epidemia è un mercato della città cinese di Wuhan. Lì venivano venduti anche animali selvatici vivi. Oggi questa malattia fa molta paura. Tuttavia, meglio essere prudenti e affrontare una sana prevenzione, senza lasciarsi prendere dall’ansia che non aiuta. Al riguardo, il Ministero della Salute ha emanato un decalogo con semplici norme igieniche, per difendersi dal contagio.

Coronavirus come allontanarlo

Coronavirus da affrontare! E’ buona norma lavarsi spesso le mani, soprattutto se si frequenta bagni pubblici e luoghi affollati. In questo periodo, è bene evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e non stropicciarsi naso e occhi. Coprirsi il naso se si deve starnutire è sempre buona norma e se si è molto raffreddati, meglio restare a casa, o indossare la mascherina.

coronavisrus - raffigurazione di Virus Blu

Non è necessario prendere farmaci antivirali né antibiotici, e nel dubbio, meglio chiamare il medico. Disinfettare più spesso con alcool, e detersivi a base di ammoniaca e candeggina, è un’abitudine che è meglio prendere in questo periodo di attenzione.  I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi. Se si ha febbre e tosse, meglio contattare il Numero Verde 1500, specie se si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni. Inoltre gli animali domestici non diffondono il coronavirus.

Lavarsi le mani spesso

Inoltre, si tenga presente che l’azione di contagio di questo virus avviene in larga misura attraverso contatti ravvicinati con un soggetto infetto. Quindi alcune semplici misure possono aiutare a prevenirne la trasmissione. E’ importante quindi evitare uno stretto contatto con le persone che hanno febbre, tossiscono o hanno altri sintomi respiratori critici. E’ inoltre raccomandabile mantenersi a una distanza di almeno un metro da persone che tossiscono.  

Coronavirus - medici in laboratorio

Questo virus può causare sintomi lievi, simil-influenzali, ma anche malattie gravi. Quindi, perché vi sia un caso sospetto di coronavirus il paziente deve presentare sintomi di tosse e/o mal di gola e/o difficoltà respiratorie serie. Si tenga presente poi che si rischia il contagio se nei 14 giorni precedenti all’insorgere dei sintomi, si è stati a contatto con un caso confermato. Oppure, se si è stati in aree dove vi sia la trasmissione del virus.

Munirsi di mascherina

Si potrebbe essere vettori del virus se si è lavorato in ambienti sanitari nei quali erano curati pazienti affetti da COVID-19. Inoltre se un paziente dovesse rientrare in tali condizioni, deve contattare il numero telefonico gratuito del Ministero della Salute 1500. Deve anche indossare una mascherina chirurgica se entra in contatto con altre persone, e utilizzare fazzoletti usa e getta e lavarsi le mani regolarmente. Orbene, i sintomi sono di tipo respiratorio: febbre, tosse, raffreddore, mal di gola, affaticamento polmonare. Al momento non ci sono terapie specifiche, e la malattia si cura come i comuni casi d’influenza. Sulla base dei dati disponibili, l’Oms ha suggerito una terapia antivirale sperimentale, correntemente utilizzata anche allo Spallanzani. Essa si basa su due farmaci specifici. Parliamo del lopinavir/ritonavir, un antivirale utilizzato per l’infezione da HIV e che mostra attività antivirale anche sui coronavirus.

Numero verde 1500 del ministero della Salute

L’altro è il remdesivir, un antivirale già utilizzato per la malattia da Virus Ebola. Al momento non esiste un vaccino contro il Sars-Cov-2. Dopo i sei casi di contagio rilevati in Lombardia, è stata emanata un’ordinanza dal ministro della Salute Roberto Speranza. Essa prevede anche l’obbligo di quarantena “fiduciaria” domiciliare per chi torna da un viaggio in Cina negli ultimi 14 giorni. Infine, “sorveglianza attiva” per chi è stato nelle aree a rischio, cioè nel paese asiatico, con obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie.

fonte foto – cleanpngfly.com

Coronavirus, fa meno paura, con semplici norme igieniche ultima modifica: 2020-02-24T16:10:53+01:00 da simona aiuti
To Top