I FRUSINATI RACCONTANO FROSINONE

itFrosinone

ANNUNCI EDIFICI STORICI

Il Comune acquisisce il palazzo della banca d’Italia

il comune - l'edificio della Banca d'Italia

Il comune avrà presto una nuova sede. Il palazzo della Banca d’Italia, nella parte alta della città, è stato un acquisto lungimirante per la città di Frosinone. Esso, antico e troneggiante, sorge nella parte più alta del Capoluogo ciociaro, restituendogli una parte importante della propria identità, storica. Il comune di Frosinone userà la formula del “rent to buy”. Esso risulta, dunque, dalla combinazione di un contratto di locazione con un preliminare di vendita di un immobile entro un termine stabilito di 10 anni.

Il comune di Frosinone si sposterà presso il palazzo della Banca d’Italia

Sono passati circa settant’anni, da quando la sede municipale del municipio è stata bombardata e distrutta nel corso dell’ultimo conflitto bellico. La nuova casa comunale, anche grazie al pregio istituzionale e architettonico dell’immobile ex Banca d’Italia, contribuirà infine a rafforzare il senso di appartenenza ad una comunità.

il comune - il comune di Frosinone

L’unione cittadina, al riguardo, spesso, ha dato prova di grande generosità e solidarietà verso l’intero territorio provinciale. Il Consiglio comunale, lunedì si è pronunciato sul passaggio definitivo dell’acquisto dell’immobile di pregio. Dunque lo ha fatto tramite lo strumento finanziario, finora mai utilizzato in Italia, ovvero rent to buy. In questo modo, s’intende chiudere il percorso volto all’acquisizione, all’interno del patrimonio pubblico, dell’immobile della Banca d’Italia, che insiste su piazzale Vittorio Veneto.  Nello stesso edificio, si prevede d’insediata anche la pinacoteca del capoluogo. L’operazione, intende in modo palese,  consolidare ulteriormente la vocazione storica e culturale della parte alta della città.

Il palazzo della Banca d’Italia di Frosinone

Orbene, il palazzo è stato eretto con inizio dei lavori nel 1854. Già sede dei gendarmi pontifici, fino alla seconda guerra mondiale, nel corso delle quale ha riportato, come tutto il territorio comunale, ingenti danni. Nondimeno, ospitava la caserma dei reali carabinieri, e ha ospitato gli uffici della Banca d’Italia fino alla chiusura avvenuta nel 2008. La collocazione dell’edificio voluta dall’istituto di via Nazionale non sorprende.

il comune - la Banca dal piazzale

Dalla prima sede a Firenze alle successive acquisizioni di edifici, le filiali della Banca d’Italia hanno sempre occupato i punti più rappresentativi delle città. Pariamo di palazzi storici che annoverano elementi architettonici e artistici di grande pregio. Nelle costruzioni edificate all’inizio del secolo scorso, la Banca, basandosi sul linguaggio costruttivo e decorativo del periodo, ha inteso trasmettere un’immagine di sobrietà e solidità. Ma anche elementi di bellezza austera.

Il municipio cambia sede

Poco o nulla si concedeva allo sfarzo, ma l’architettura era sempre intimamente legata alla storia economica, sociale e culturale delle città, e al prestigio dell’Istituzione. Oltre l’aspetto di rappresentanza, l’immobile presenta una superficie totale pari a complessivi 3.468,46 mq. Dei quali, 1631 per locali, 429 per abitazioni, 268 per archivi. L’amministrazione comunale ha, dunque, negoziato con l’Istituto condizioni ritenute favorevoli anche per un ente, quale è il Comune di Frosinone. Elementi questi in riequilibrio finanziario che non permette di effettuare mutui, oltre a comportare ulteriori limitazioni previste dalla normativa vigente. L’operazione, è stata sottoposta quindi al vaglio del Consiglio comunale, competente sull’acquisto. Trattandosi di un contratto pluriennale, fermo restando l’indicazione delle risorse finanziarie, in tale lasso di tempo necessarie per tale acquisizione. Essa infine, prevede anche la vendita o la messa a rendita dei beni di proprietà comunale liberati dal trasferimento nella nuova sede.  

fonte foto – uff. stampa comune di Frosinone

Il Comune acquisisce il palazzo della banca d’Italia ultima modifica: 2020-02-26T08:00:00+01:00 da Simona Aiuti
To Top