I FRUSINATI RACCONTANO FROSINONE

itFrosinone

pubbliredazionale CICERONE COSA VEDERE

Torrice, dal medioevo, enogastronomia e paesaggi bellissimi

Torrice - Torrice in una veduta panoramica
Articolo promozionale

Torrice, gioiello della Ciociaria, incantevole e ospitale; sta da secoli adagiato accanto al capoluogo di Frosinone. L’origine del nome deriva dalle “tre torri”, che erano nella cinta muraria medioevale del paese. Visitare Torrice, significa entrare direttamente ne cuore della Ciociaria, dove la gente è genuina, accogliente, piena d’iniziativa; tanto da rendere il paese un “diamante” nel verde.

Torrice

Da piccolo borgo, nel 1129 Torrice reclamò quindi l’autonomia comunale dallo stato della chiesa; e di conseguenza, le truppe pontificie di Onorio II la distrussero incendiandola. Tuttavia, la dura cervice di questa gente operosa, piena di slancio e resilienza, risorse.

Torrice - uno scorcio del borgo

Orbene, nel XIII secolo il borgo passò dal papato ai de Ceccano. Dopo corsi e ricorsi storici, la comunità torriciana, conobbe la signoria dei ceccanesi; con la quale seguì per Torrice un periodo di spopolamento demografico. Ancora una volta, la “dura scorza” di Torrice non mancò, poiché arrivò la ripresa economica e demografica, in modo immediato e robusto. Dimostrazione di tale ripresa è data nel ‘700 dalla presenza di nuove costruzioni; con chiese in stile barocco; ma anche dimore e palazzi ragguardevoli. Agli inizi dell’800 a Torrice, dal grande temperamento, si diffusero diversi movimenti carbonari. Rirordiamo il torriciano Fabrizi Nicola, organizzatore di una vendita carbonara molto importante.

Torrice in Ciociaria

Torrice ha purtroppo subito anche il terremoto, tuttavia neanche la calamità naturale ha piegato lo spirito “ciociaro”. Seguì l’esodo di tanti torriciani anche all’estero, tuttavia, il torriciano non dimentica mai le sue radici e andando per i vicoli si respira il senso d’appartenenza e l’amore per il luogo. Oggi il paese è un centro molto tranquillo e la sua posizione, nel novecento ha di fatto anche  favorito il suo sviluppo economico.

Torrice - l'arco di Torrice

Bighellonando da turisti, si può visitare la chiesa barocca di San Pietro; ricostruita nel secolo XVIII, con opere di legno ad intaglio pregevoli. La chiesa di San Lorenzo del XVII sec., che presenta una bella facciata barocca con ricco portale. L’interno è a croce greca con decorazioni a stucco; dipinti attribuiti a Giuseppe Cesari e al Ludovisi.

Borghi del Lazio da visitare

Nell’antica chiesa barocca di S.Lorenzo si possono ammirare alcune importanti opere d’arte come il S. Sebastiano martire del Cavalier D’Arpino. Vi sono inoltre, anche due dipinti che alcuni esperti attribuiscono al Giorgione. Interessante poi la piazza in cui è inscritta questa chiesetta. Vi si affaccia un maestoso e bellissimo arco di porta che immette nell’antico borgo. Inoltre, i resti dell’antico Castello, delineano e ricordano l’opera di fortificazione di un tempo. Interessante l’Orto botanico “Andrea Cisalpino”.

torrice - Vinello in agriturismo

Bella l’estetica tipicamente medievale, che sembra non essere mai stata offesa nei secoli dall’invasione degli eserciti di Barbarossa; ma anche degli Svevi, dei D’Angiò, dei Caetani e dei francesi in difesa del Papato al quale Torrice apparteneva. A Torrice si mangia molto bene e ci sono locali tipici molto invitanti. Tipici sono gli abbuticchi; un’antica e rara specialità della Ciociaria. Il loro nome deriva dal verbo “abbutinare” che nel dialetto ciociaro significa avvolgere.

Gli abbuticchi

Questa ricetta si tramanda da generazioni, e si tratta d’involtini di trippa d’agnello che racchiudono all’interno delle uova sode; pancetta o prosciutto crudo stagionato. Il tutto tagliato a piccoli pezzetti e aromatizzato con peperoncino, prezzemolo, rosmarino e aglio. Inoltre l’involtino si avvolge ulteriormente con budelline d’agnello. Il tutto si cuoce in un sugo di pomodoro fresco e si servono caldi. Infine, essendo un comune collinare, i produttori locali; hanno potuto scegliere tra verdi colli ideali per vigneti molto noti per qualità. Da uve di qualità, si ottengono vini di standard elevatissimi;  presenti nei migliori ristoranti nella provincia di Frosinone. Si può scegliere tra un agriturismo, trattorie e ogni genere di locali; che offrono infine enogastronomia, in una location incantevole.

Fonte foto – Maria Teresa Nardoni

Torrice, dal medioevo, enogastronomia e paesaggi bellissimi ultima modifica: 2020-08-03T06:00:00+02:00 da simona aiuti
To Top