Villa Inglese a Picinisco, di Ben Hirst e Gaynor Moyniahan - itFrosinone

itFrosinone

pubbliredazionale CUCINA TRADIZIONALE emigranti

Villa Inglese a Picinisco, di Ben Hirst e Gaynor Moyniahan

Villa inglese a Picinisco - Villa Inglese di Picinisco
Articolo promozionale

Villa Inglese a Picinisco e quel legame antico con il mondo anglosassone! Fin dal 1700, le zone della Valle di Comino, sono sempre state interessate da grandi ondate d’emigrazione verso il nord Europa. In Inghilterra, come in Irlanda, ci sono numerose comunità italiane che hanno contribuito a far conoscere quest’area appenninica del Lazio meridionale.

Villa inglese a Picinisco

Era un’emigrazione in gran parte dolorosissima. Moltissimi erano i bambini, laceri e soli, che lavoravano duramente nel Regno Unito. Ricordiamo che Giuseppe Mazzini, esule, da solo si occupò di dare una parvenza d’istruzione a tanti di quei bimbi per trent’anni. Con sacrifici tantissimi ciociari sbarcavano il lunario anche vendendo gelati o fish&chips. Qualcuno è riuscito a fare carriera in grande stile come ad esempio la famiglia Pacitto; che tornando al paesello si fece erigere una bellissima villa liberty.

Villa inglese a Picinisco - Interni Della Villa con camino acceso
fonte foto – pag. uff. Facebook – Villainglese

Ancora oggi possiamo vedere questa bellissima palazzina in stile Belle Epoque. Da quasi cent’anni la chiamano, “la Villa Inglese”. Abbandonata da anni, la villa oggi è di chef Ben Hirst e della compagna, Gaynor Moynihan. I due in precedenza, avevano già da anni rapporti di lavoro con dei fornitori locali di prodotti d’eccellenza. A quanto pare, un giorno Gaynor nota l’elegante dimora e si accende una lampadina.

Fish&chips

Ci troviamo pressappoco sull’ultima salita prima d’entrare a Picinisco. Infine i due decidono d’acquistare la dimora storica. Inizia la ristrutturazione, cercando di preservarne l’originalità, compresi gli stucchi  e i parati. Una volta terminati i lavori, la pandemia rallentato tutto, ma non troppo. La Villa Inglese è infine partita come ristorante e luogo d’accoglienza. Essendo in una zona di montagna, con un clima fresco in estate e panorami innevati in inverno, ha un grande potenziale.

paesaggi ciociari - Fiori A Picinisco nelle valli
fonte foto – Facebook – Franco Carnevale

Atmosfere intime con il camino acceso, eccellenze locali e un panorama appenninico mozzafiato fanno il resto. A quanto pare l’opportunità di fare esperienza con bed&breakfast in tre suite panoramiche; terrazza, giardino curato e sala ristorante, non è affatto male come prospettiva. Tuttavia oggi si tende a offrire una vera e propria esperienza a tutto tondo al cliente. Qui è possibile fare del “foraging”, che consiste nel procacciarsi gli ingredienti presenti in natura.

Ben Hirst e Gaynor Moynihan

Inoltre è possibile fare gite con guide locali; ma anche sciare o fare corsi di cucina e workshop. Gli avventori possono sul serio imparare a fare del formaggio e vivere un’esperienza unica. Ben Hirst vuole cercare di lavorare su una cucina di montagna, arricchita dagli innumerevoli spunti agricoli genuini che arrivano dalla Valle. A parte la possibilità di pernottare, il ristorante è normalmente aperto al pubblico, con una linea gastronomica assolutamente inedita per queste zone.

Villa inglese a Picinisco . Cena In Terrazza nella villa ristorante
fonte foto – Facebook -pag. uff. Villainglese

Questo è e vuole essere fortemente un luogo in cui ogni piatto possa essere uno spunto per raccontare la Valle di Comino e la sua ricchezza intrinseca. Qui vige una cucina libera, senza limitazioni di un menu pre definito, con percorsi di degustazione da 6 o 8 portate. Non mancano le conserve, tipiche della Ciociaria, ma anche fermentati, confetture, marmellate, verdure sottolio e kombucha, che è una bevanda leggermente frizzante; ottenuta dal te zuccherato fermentato.

La Valle di Comino e Villa inglese a Picinisco

E’ innegabile che contano moltissimo gli allevatori locali che producono derivati, grazie a vacche rigorosamente al pascolo. I pastori  tengono le mucche allo stato brado a 2000 metri e questo fa la differenza. Non è raro che si sperimenti del formaggio con latte di capra. Inoltre, chi è in cucina qui, può spaziare grazie ai fornitori, prodotti come il fagiolo di Atina, il peperone di Pontecorvo e molto altro.

Villa inglese a Picinisco - Picinisco in una veduta aerea

Certamente, la Valle di Comino, tra tartufi, olio pregiato o vini, ha tantissimo da offrire. Ragion per cui sono arrivati investitori inglesi, che stanno lavorando su uno straordinario territorio. E’ il caso di Chef Ben Hirst, che ha lungamente lavorato a Roma e che ora punta su Picinisco. Siamo nel sud est della provincia di Frosinone, nella Valle di Comino, in cui Picinisco rappresenta uno dei quindici comuni della valle.

Villa Inglese a Picinisco, di Ben Hirst e Gaynor Moyniahan ultima modifica: 2021-08-18T09:16:46+02:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x