I FRUSINATI RACCONTANO FROSINONE

itFrosinone

ASSOCIAZIONI NOI

Violenza sulle donne in Ciociaria, a che punto siamo

violenza sulle donne - Donna che mostra uno slogan

Violenza sulle donne in Ciociaria, e i numeri non sono incoraggianti. Tanta strada è stata fatta nel frusinate riguardo la condizione femminile, eppure molta bisogna ancora percorrerne, e spesso imboccando la via per studio e lavoro.

occhio - occhio evocativo di violenza

Le donne ciociare hanno un passato di grandi lavoratrici, riuscendo anche a guadagnare molto più degli uomini quando facevano le balie; tuttavia l’emancipazione tortuosa come il nostro territorio, non è mai stata lineare.

Violenza sulle donne

Famosissime furono le balie ciociare, che hanno allattato figli d’industriali, nobili e aristocratici. Guadagnavano cifre altissime ma una rondine non fa primavera. Il patriarcato è stato granitico nel basso Lazio, e le donne, pur lavorando nei campi, e accudendo gli animali, non avevano molta voce in capitolo.

violenza sulle donne - Sfondo Rosso con donna che contrasta un pugno

Ancora resiste nelle campagne, la deprecabile abitudine di non concedere eredità immobile alle figlie femmine, bensì “liquidarle in denaro”; danneggiandole ovviamente. Dal dopoguerra, le ragazze hanno iniziato a studiare, ma la libertà delle figlie era sempre inferiore a quella dei fratelli. Uscire di casa per lavorare, o guidare l’auto, è stato fondamentale. In ogni caso, considerare la donna un “po’ meno” dell’uomo, anche in modo velato, significa poterne disporre ancora, anche usandole violenza fisica o psicologica. A zavorrare quello scatto che ancora non è stato compiuto, ci sono le donne maschiliste, ovvero quelle che remano contro.

Violenza sulle donne in Ciociaria

Viviamo una fase di stallo, poiché tante donne si “accontentano” di vivere una parità apparente. Possono uscire con le amiche, fare la spesa, lavorare, ma dovendo prendere delle decisioni, difficilmente lo si fa, se prima non si ha il placet del marito. Per comprare un’auto, ci si rivolge al compagno.

violenza sulle donne - Amiche a pranzo per lavoro

Una cultura trasparente ma tangibile, impone ancora il cognome del marito e non poter dare il cognome ai figli se lui non lo permette. Sulla tessera elettorale c’è il cognome da sposata, ed è gravissimo. Simili leggi, ci mettono di fatto un gradino più in basso. Usare la carta di credito del marito, significa che lui può bloccare il conto quando vuole, non essere libere di spendere, ma solo pensarlo. Avere gli stessi diritti sulla Costituzione, significa poterli esercitare tutti appieno, non quasi. Essere più in basso, ci mette automaticamente nella condizione di poter subire una violenza qualsiasi, e puntualmente accade.

Femminicidio

In Ciociaria durante il lockdown le richieste d’aiuto sono aumentate del 73%. Eppure l’Asl da circa due anni è impegnata contro la violenza di genere, attraverso il progetto “Conscious”, finanziato dal Programma Europeo Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Per la prima volta si garantiscono trattamenti specifici agli autori di violenza domestica o di genere; sia presso i penitenziari di Cassino e Frosinone, sia presso gli ambulatori esterni della stessa Asl.

occhio - Gruppo Di Ragazze in posa

Non basta dire all’uomo che non deve picchiare, se è stato atavicamente educato a considerare la donna “un po’ meno”. Al riguardo, il modello d’intervento unico nel suo genere. Con questo progetto, l’Asl di Frosinone è riuscita a promuovere un percorso di trattamento sugli autori delle violenze come prevenzione della recidiva. La cultura deve cambiare, altrimenti è come risalire la corrente.

1522

Le telefonate al numero 1522, a disposizione delle vittime di violenza e stalking, e che hanno chiesto aiuto sono 2.013 (+59%). Il 45,3% delle vittime ha paura di morire. Il 72,8% non denuncia il reato subito. Nel 93,4% dei casi la violenza si consuma in famiglia. La violenza maschile contro le donne è un fenomeno diffuso, anche tra gli stranieri, ma deriva sempre da una concezione culturale radicata. Le forze dell’ordine testimoniano che molti uomini, spesso si stupiscono del fatto che le donne non accettino quelli che palesemente sono soprusi; poiché culturalmente da sempre sono per loro la norma. Infine sia chiaro che la violazione dei diritti umani, è un ostacolo all’uguaglianza, solo che per molti, dare uno schiaffo non è ancora violare i diritti umani.

Violenza sulle donne in Ciociaria, a che punto siamo ultima modifica: 2020-11-25T08:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Commenti
To Top