CIBO TRADIZIONI

Dolci ciociari di carnevale, per scacciare l’inverno e con golosità e allegria!

Dolci Ciociari Di Carnevale- dolci tra le stelle filanti

Dolci ciociari di carnevale fritti? Perché no! La cicerchiata ciociara è uno di quei peccati di gola che si compiono senza alcun rimorso. Sono davvero tanti i dolci ciociari che non possono mai mancare nelle pasticcerie, ma vengono anche preparati ancora in casa. Il clima carnevalesco invita a pasteggiare tra zucchero a velo e tanti fritti!

Dolci Ciociari Di Carnevale - foto di impasto per dolci di canevale

La “Cicerchiata ciociara” ha un posto speciale nelle tavole, tipica per lo più di Sora, è un dolce composto da tante palline di pasta; che formano una ciambella dolce che viene caramellata con confettini e tanto miele, che la rende lucidissima. Si tratta di una vera leccornia, che ricorda vagamente gli struffoli, ma vediamo questi fantastici dolci ciociari di carnevale!

La cicerchiata ciociara

La cicerchiata è parte integrante dell’antica tradizione dolciaria ciociara, la cui ricetta si tramanda da una generazione all’altra. Molto semplice da preparare, consta di pochi ingredienti semplici; 400 g. di farina, 50 gr. di zucchero, 1/2 tazzina di grappa, un po’ d’olio di semi, tre uova intere e un tuorlo. Se piace aggiungete un pizzico di sale, e arancia o limone in aroma.

Dolci Ciociari Di Carnevale - foto di cicerchiata

Dopo aver fatto il classico vulcano di farina, metteremo gli ingredienti, amalgamando lentamente, aggiungendo un pizzico di lievito. Il panetto deve riposare per una mezz’oretta. Ora si procede come per gli gnocchi! Le palline che si ottengono, devono essere poi fritte, eliminando l’olio in eccesso. Contemporaneamente, in un tegame capiente si deve preparare il caramello con miele, zucchero e acqua, che ricoprirà la ciambella di gnocchetti. Una volta formata la cicerchiata ciociara, spolveriamola con confettini e lasciamo riposare il dolce, servendolo freddo a carnevale!

Nocche di carnevale

Tra le ricette di Carnevale che non possono mancare soprattutto per i bimbi, ma anche per incorreggibili golosoni, come non ricordare le nocche di Carnevale? In Ciociaria tante donne si cimentano mettendo insieme gli ingredienti necessari; almeno 600 gr di farina per dolci, 80 gr di burro, due uova, quattro tuorli, almeno 500 ml di latte, e 250 gr di zucchero. Non deve mancare un bicchiere di vino bianco, sale quanto basta, un po’ di lievito, limone, cioccolato, zucchero a velo, miele, e confettini.

Dolci Ciociari Di Carnevale - immagine di dolcetti di carnevale

Bisogna versare in un pentolino i tuorli, il latte, la buccia di limone, 200 gr di zucchero, 100 gr di farina setacciata. Possiamo iniziare a mescolare il tutto per dieci minuti, raggiungendo l’ebollizione. Il composto ottenuto va raffreddato e diviso in due porzioni. Verseremo il cioccolato a pezzetti in una ciotola d’acciaio sciogliendolo a bagnomaria, continuando a mescolare con un mestolo di legno.

Le nostre nocche pronte da divorare!

Il cioccolato va incorporato in uno dei due recipienti con la crema mescolando per bene il tutto. Separatamente si deve impastare mezzo chilo di farina con burro, due uova, il lievito e cinquanta gr di zucchero; incorporando anche il vino bianco, mettendo a riposare poi il tutto per un’altra mezz’ora.

Dolci Ciociari Di Carnevale - immagine di dolci ciociari di carnevale

La pasta riposata va stesa e tagliata a tondini. In ogni disco di pasta si deve mettere un po’ di crema, e cioccolata, ricoprendo con un altro tondino. Il tutto deve cuocere in un tegame con olio di semi. Non appena si saranno raffreddate, le nocche possono essere decorate con confettini per meravigliosi dolci ciociari di carnevale!

Cecamarini e si sente il carnevale

Si tratta di castagnole in realtà, ma il nome dialettale è “cecamarini” o meglio “accecamariti”, palline che idealmente dovevano “accecare” i mariti e i fidanzati? Una volta quindi i mariti non si prendevano solo per la gola, ma si usavano maniere poco ortodosse! Queste “castagnole” ciociare, fanno parte di un’infinità di varianti che attraversano lo “Stivale”.

Dolci Ciociari Di Carnevale- foto di struffoli

L’impasto tradizionale deve essere molto compatto e sodo, e anche i “cecamarini”, sono preparati come gli gnocchi; ma poi i tronchetti o bastoncini di media lunghezza, vengono arrotolati tra le mani e fritti. Servono tre uova, un po’ di liquore, mezzo bicchiere di latte, olio di semi, del limone grattugiato, vaniglia, e centoventi gr di zucchero. Aggiungeremo del lievito, circa mezzo chilo di farina, zucchero a velo, e olio di semi per friggere.

Fritti e impiattati, fantastici dolci ciociari di carnevale

In una ciotola metteremo farina e il lievito, mentre in un’altra le uova, il liquore, il latte e l’olio, amalgamando tutto. Uniremo poi vaniglia, zucchero e limone grattugiato. Lentamente aggiungeremo la farina, fino ad avere un composto colloso. In una padella con olio bollente, metteremo gradualmente le “palline” ottenute. Dovremo friggere girando continuamente le palline, fino a farle girare da sole, dure e compatte. Infine, i cecamarini andranno scolati, spolverati con zucchero a velo e serviti. Buon carnevale!

Simona Aiuti

Autore: Simona Aiuti

Mi chiamo Simona Aiuti, sono giornalista, web editor e autrice di romanzi.
La scrittura è parte di me; amo la letteratura, esplorare i mutamenti del costume, la storia, lo sport, e l’arte. Mi piace visitare i musei, le mostre. Sono affascinata dall’inconoscibile e curiosa del mondo.

Dolci ciociari di carnevale, per scacciare l’inverno e con golosità e allegria! ultima modifica: 2019-02-25T09:00:16+02:00 da Simona Aiuti

Commenti

To Top