CONSIGLI UTILI COSA FACCIAMO

Difendersi dalle polveri sottili a Frosinone è possibile?

difendersi dalle polveri sottili - veduta dal centro storico del capoluogo

Difendersi dalle polveri sottili a Frosinone in questi giorni sembra un mantra e una comprensibile preoccupazione un po’ per tutti. Visto l’incendio nella zona industriale alla “Mecoris”, all’interno del capannone ubicato nella zona dell’aeroporto di Frosinone, si cerca di correre ai ripari.

difendersi dalle polveri sottili - Mascherina

I carabinieri del comando provinciale hanno provveduto a sequestrare l’intera area, dopo l’immane lavoro dei vigili del fuoco che hanno faticato nel domare il rogo. Ora, la preoccupazione dei frusinati, e di una discreta parte di Ciociaria, è quella dell’esalazione tossica da rifiuti speciali come l’amianto.

Rogo Mecoris, come difendersi dalle polveri sottili

Certamente gli inquirenti faranno il loro lavoro, ma nel frattempo, una nube plumbea maleodorante si staglia in un cielo che purtroppo non minaccia pioggia. La cittadinanza è stata invitata a munirsi di mascherine protettive, ma certamente non basta.  Permane il divieto di coltivazione e di pascolo, nell’area circoscritta a due km di raggio dal luogo dell’incendio, fino al 9 luglio.

difendersi dalle polveri sottili - Vigile Del Fuoco al lavoro

E’ opportuno limitare le uscite nelle ore di maggior concentrazione delle polveri sottili. Si raccomanda di non portare fuori i bambini col passeggino. Se proprio fosse necessario occorre proteggere lo stesso con una copertura adeguata e la stessa raccomandazione di prudenza vale anche per le gestanti. Si consiglia di controllare i condizionatori. E’ bene ricordare che con il tempo la capacità filtrante diminuisce e l’umidità può consentire lo sviluppo di microorganismi che possono provocare allergie.

Difendersi dalle polveri sottili

Fondamentale controllare i filtri e sostituirli in caso di perdita di efficienza, perché in questi giorni si stanno depositando le polveri sottili. E’ opportuno, per chi vive in campagna e ha un giardino, lavare i giocattoli dei bambini rimasti fuori, lavare anche persiane e le tapparelle. La popolazione, specie se vive nella zona bassa della città, se possibile è stata invitata ad allontanarsi dall’area.

difendersi dalle polveri sottili - Bidone di metallo

I soggetti con insufficienza respiratoria, cardiopatici e immuno depressi, devono evitare di uscire di casa, e tenere le finestre chiuse. Nei prossimi giorni si consiglia di vestire con indumenti in fibre naturali traspiranti, evitando specie nei bambini, fibre sintetiche. E’ anche opportuno lavare sempre tutti gli indumenti con cui si è usciti. Si raccomanda di non scuotere gli abiti fuori dalle finestre, di non battere tappeti rimasti fuori, per evitare di inalare polveri sottili. Si raccomanda di non tenere cani e gatti fuori.

Alimentazione antiossidante

Seguire un’alimentazione corretta ricca di antiossidanti può aiutare, consumando molta frutta e verdura, in particolar modo arance. Ricchi di antiossidanti sono anche the, caffè e vino rosso. Il consumo di un bicchiere di vino rosso, ricco di antociani e polifenoli, a pranzo e a cena è salutare per l’apparato respiratorio in caso di smog. Si può aggiungere l’assunzione d’integratori multivitaminici e della N-Aceltilcisteinalavare, ma si sconsiglia di mangiare le verdure a foglia larga.

difendersi dalle polveri sottili - Mascherina anti Smog

Per combattere i possibili effetti del particolato atmosferico, meglio consumare frutta e verdura di colore rosso (pomodori, melograno, barbabietola arance rosse) con tanti antiossidanti naturali. È bene poi non farsi mai mancare alimenti di colore giallo e arancio, come carote, arance, mandarini, limoni, ricchi di sostanze che aiutano a prevenire gli effetti dei radicali liberi. Se si hanno verdure in giardino, meglio non mangiarle in seguito al rogo.

Verde anti smog

Ci si può anche costruire una serra mangia particolato. Anche le piante possono dare una mano ad abbattere le concentrazioni di inquinanti. Si tratta di scegliere quelle giuste come il ficus, la dracena e la gerbera che sono le più indicate. Esse rimuovono fino al 40% degli inquinanti presenti, come la formaldeide e il benzene.

Simona Aiuti

Autore: Simona Aiuti

Mi chiamo Simona Aiuti, sono giornalista, web editor e autrice di romanzi.
La scrittura è parte di me; amo la letteratura, esplorare i mutamenti del costume, la storia, lo sport, e l’arte. Mi piace visitare i musei, le mostre. Sono affascinata dall’inconoscibile e curiosa del mondo.

Difendersi dalle polveri sottili a Frosinone è possibile? ultima modifica: 2019-06-26T08:00:07+02:00 da Simona Aiuti

Commenti

To Top