EVENTI NOI

Ua-Lione, una parte della Ciociaria si ritrova al Gala di Lione

ua-Lione - Cena di gan Gala

Si è svolto da poco il primo Gala Ciociaro della Regione AURA (Auvergne Rhône Alpes) ; dedicato alla riscoperta delle radici di molti discendenti di ciociari arrivati nella regione dal 1900 ad oggi. Si stima che nella regione AURA, ci siano ora tra 250.000 e 270.000 discendenti dei primi ciociari arrivati. Ua-Lione  è l’associazione che si dedica a rappresentarli, e fa da collante in terra di Francia.

Ua-Lione - Accoglienza degli ospiti

Da mesi il “dream team” della direzione dell’Associazione Ua-Lione preparava questa serata, e l’entusiasmo e l’emozione della riunione; con un menù in parte frusinate, con musica il più possibile vicina alle tradizioni ciociare era attesissimo.

Ua-Lione ricordando le radici ciociare

I discendenti dei Ciociari che hanno partecipato a questo Primo Galà, somigliano ai ciociari che son andati a stabilirsi nella regione di Lione. I loro genitori erano partiti per la Francia per dare ai figli un futuro migliore e grazie al loro coraggio; al loro sacrificio, al duro lavoro, possono essere orgogliosi di aver avuto successo. Il loro motto è sempre stato: “Con la fortuna come compagna e il coraggio come guida”. Il caso ha voluto che sia anche uno dei motti di Lione.

Ua-Lione associate di Ua Lione

La creazione dell’associazione Ua-Lione è arrivata al momento giusto, e conta soci in 35 comuni della regione di Lione. Riscoprire le radici che affondano in 21 comuni della Ciociaria è stato importante. Oggi vogliono riappropriarsi della convivialità e del piacere di ritrovarsi per festeggiare, riscoprire usi, lingue, canti, poesia, cucina, storia, conoscenza e del luogo. Tutto ciò è stato trascurato durante il processo d’integrazione.

Ua-Lione e gli emigranti ciociari in Francia

L’associazione si impegna per soddisfare queste aspettative, al fine di colmare al meglio le lacune. Per un Primo Gala c’erano 494 ospiti nella sala Jean Gabin del comune di Chaponnay . Il cuoco scelto è un discendente d’immigrati della frazione Ciociara Colli di Monte San Giovanni Campano. Ha preparato un menù sontuoso, servendo tra le altre delizie, perfetti gnocchi fatti a mano e un tiramisù fantastico. Anche i vini biologici italiani hanno soddisfatto tutti.

Ua-Lione - Zampognari al Gala

La decorazione della sala è stata realizzata dai membri dell’associazione e da volontari, e l’atmosfera  ha  contribuito alla convivialità, con i colori più suggestivi verde-bianco-bianco-rosso. I tovaglioli tricolori hanno avuto molto successo! Gli Zampognari  del Gruppo De Calamus in costume tradizionale, venuti da “Picinisco”, per l’occasione, hanno contribuito a ripristinare suoni antichi e a dare il colore giusto alla serata. La musica con accenti italo-francesi-internazionali ha permesso a tutti di ritrovarsi

Uno chef di Monte San Giovanni Campano

L’opportunità d’incontrarsi di nuovo, la voglia di condividere questo momento, hanno reso questo Primo Gala un momento eccezionale. C’era un’atmosfera emozionante, anzi commovente, che ha coinvolto tutti. Era presente il Console Generale d’Italia a Lione, dott Alberto Bertone, il Sindaco di Oytier St Oblas, René Porretta, del Presidente dell’Associazione COMITES di Lione; Angelo Campanella, il Presidente dell’Istituto Dante Alighieri di Lione, Gianpaolo Pinna.

Ua-Lione - Ballo Ciociaro

Era presente il Presidente dell’Associazione Amitiés-Franco-Italienne de Brignais, Teresa Bernardinis, l’Assessore comunale delegato alle associazioni del Sindaco di San Priest, François Megard; il Presidente dell’Associazione San Vittorese Antonio Rotondo. Il comico lionese Tony D ha rallegrato gli ospiti ricordando i vecchi emigranti che avevano una scarsa padronanza della lingua francese; e che si esprimevano in una particolare lingua Ciociaro-italo-lionese. E’ stata una bella serata e non si può non ringraziare tutti i presenti.

Da Picinisco a Lione

Grazie a Jeanne Ferrante, e tutti gli amici. Il Gala N°2 sarà organizzato nello stesso periodo dell’anno e speriamo di poter contare su sempre più numerosi e determinati aderenti per  festeggiare. Ua-Lione, è una espressione ciociara per denominare un bambino, ma anche due giochi di parole con “Ua” per dire vai in Ciociaro. “Vai a Lione”, che è quello che hanno fatto tutti gli  intervenuti a questa bella regione d’Italiano; a seguito del detto locale “te pozzene portà a Lione di Francia”.

Simona Aiuti

Autore: Simona Aiuti

Mi chiamo Simona Aiuti, sono giornalista, web editor e autrice di romanzi.
La scrittura è parte di me; amo la letteratura, esplorare i mutamenti del costume, la storia, lo sport, e l’arte. Mi piace visitare i musei, le mostre. Sono affascinata dall’inconoscibile e curiosa del mondo.

Ua-Lione, una parte della Ciociaria si ritrova al Gala di Lione ultima modifica: 2019-04-29T08:00:02+02:00 da Simona Aiuti

Commenti

To Top